L’educazione dei nostri ragazzi è il migliore investimento per il nostro domani. Noi dell’Associazione “Mareggen officina del crescere” pensiamo che sia possibile realizzare una realtà dove apprendere sia sinonimo di gioia, dove studiare significhi curiosità, dove imparare voglia dire crescere insieme.  Perché imparare una cosa nuova significa diventare qualcosa di meglio. Con questo spirito, abbiamo organizzato il progetto educativo.

 

L’associazione “Mareggen, officina del crescere” riunisce un gruppo di genitori e di accompagnatori-educatori con lo scopo di dare vita a un progetto educativo chiamato “Officina del crescere”. Il progetto riguarda un’ampia fascia di bambini in età scolare e pre-scolare: dai 3 ai 10 anni, si propone anche come punto di incontro sul territorio per le famiglie che hanno scelto (o sono interessate) all' istruzione parentale .  L’associazione si è formata su un’esigenza molto sentita, quella di proporre una innovativa educazione ai nostri figli.  La nostra Associazione ritiene fondamentale il benessere e la felicità del bambino. L'educazione deve, a nostro avviso, creare le basi per una società a misura d’uomo e tenere sempre presente che il bambino di oggi è l’umanità di domani. Su queste premesse l’Associazione “Mareggen, officina del crescere” aderisce alla Rete di Educazione Libertaria italiana (REL) e all’European Democratic Education Community (EUDEC), ovvero associazioni internazionali che riuniscono diverse realtà democratiche scolastiche italiane ed europee.

L’Associazione si organizza attorno ad un gruppo di genitori e volontari che con entusiasmo partecipano ad un’iniziativa appassionante.

Ai bambini non bisogna insegnare bensì permettere di scoprire. Essi devono essere incoraggiati a indovinare e a usare il cervello, invece di venir esaminati sulle giuste risposte.

Paul Goodman

Quando sceglie da solo le proprie attività, persistendo in esse senza essere interrotto o disturbato, dirigendosi o agendo con grande sicurezza e abilità, il bambino ci mostra il cammino del suo sviluppo.

Maria Montessori

In qualsiasi contesto educativo i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze hanno il diritto di decidere individualmente come, quando, che cosa, dove e con chi imparare e hanno altresì il diritto di condividere in modo paritario le scelte che riguardano i loro ambiti organizzati, in particolare nelle scuole stabilendo, se ritenuto necessario, regole e sanzioni.

Francesco Codello e Irene Stella "Liberi di imparare"